Share
HOME >> Altri Sport >> Atletica

Il Sogno del Maratoneta. Il romanzo di Dorando Pietri di Giuseppe Pederiale

  1. SCHEDA DELL’ ATLETA
  2. ?
  3. Nome e Cognome: Dorando Pietri
  4. |
  5. Nato il: 16-10-1885 a Correggio (RE)
  6. |
  7. Dececuto il: 7-2-1942 a Sanremo (IM)
  8. |
  9. Società: Società di Ginnastica La Patria, Carpi ( MO)
  10. |
  11. Sport: Atletica

francobollo Dorando Pietri
Francobollo commemorativo 100° Anniversario Maratona
dei Giochi della IV Olimpiade

Alla vigilia dei Giochi della XXX Olimpiade Moderna: le Olimpiadi di Londra 2012, RAI Fiction programma una mini serie dedicata a Dorando Pietri o Dorando Petri lo sfortunato atleta italiano ‘crollato’ a pochi metri dal traguardo della Maratona del Giochi di Londra del 1908 ma che da questo episodio ottenne una fama imperitura: fu squalificato e cancellato dall’ ordine di arrivo della gara e dunque perse la medaglia d’ oro ma la Regina Alessandra commossa come tutta l’ opinione pubblica mondiale dall’ epilogo della sua gara lo volle personalmente premiare ed in un certo senso ricompensare per la mancata conquista della medaglia olimpica con una Coppa d’ argento dorato esatta copia di quella andata al vincitore.

Le commoventi, sbiadite e meccaniche immagini d’ epoca di quell’ omino col fazzoletto in testa piegato sulle gambe che entrato nello Stadio di St White City a Londra crolla a terra e taglia faticosamente per primo il filo di lana della Maratona dei Giochi della IV Olimpiade sorretto dai giudici sono le prime immagini della mia memoria che mi riconducano alla celebrazione dell’ epica di un mio compatriota.

Ed effettivamente queste immagini sono unanimamente note e la migliore rappresentazione ed icona dello Spirito Olimpico sintetizzato celebre frase del fondatore delle Olimpiadi dell’ Era Moderna il barone Pierre De Coubertin:

L’ importante non è vincere ma partecipare.

In realtà il senso della frase del barone non è propriamente quella che è passata alla storia come riportato dalla versione in italiano di wikiquote:

La citazione non è sua. Egli stesso, quando la pronunciò, ne citò la fonte: la predica di un vescovo della Pennsylvania durante le Olimpiadi del 1908. Il vescovo si chiama Ethelbert Talbot.Tuttavia lo stesso vescovo prese la frase, riadattandola, da un filosofo greco, il quale disse:

L’importante non è vincere, ma partecipare con spirito vincente”

, ovvero, non è tanto importante arrivare primi, quanto fare di tutto (a volte anche uccidere) per vincere.

Alla luce del vero senso delle frase di De Coubertin è evidente come le gesta del nostro Dorando siano il paradigma dello Spirito Olimpico.

Alla vigilia dei terzi Giochi Olimpici ospitate dalla capitale britannica, le altre edizioni quella già citata del 1908 e quella del dopo WWII del 1948, ecco dunque che la RAI non a caso programma la miniserie intitolata ‘Il Sogno del Maratoneta’ liberamente tratta dall’ominimo libro scritto da Giuseppe Pederiali ( in prima serata su Rai Uno Domenica e Lunedì 18 e 19 Marzo) per celebrare il nostro noto maratoneta.
Il film RAI per la regia di Leone Pompucci è prodotto da Luca Barbareschi e vede nel cast Luigi Lo Cascio, Laura Chiatti ed Alessandro Haber.

Sull’ onda dell’ interesse che la miniserie sicuramente susciterà per la figura di Dorando Pietri abbiamo pensato di proporre una serie di titoli di romanzi sul maratoneta di Correggio a cominciare dal romanzo di Giuseppe Pederiali.

Libri su Dorando Pietri

'Il Sogno del Maratoneta' G.Pederiali-Edizioni Garzanti Copertina

IL SOGNO DEL MARATONETA

Il romanzo di Dorando Pietri
PEDERIALI GIUSEPPE
Lingua:Italiano
Editore: Garzanti Libri
Pubblicazione: 10/2009
Genere: Libro
Lingua:Italiano
«Io non sono il vincitore della maratona. Invece, come dicono gli inglesi, io sono colui che ha vinto e ha perso la vittoria.»
Dorando Pietri, «Corriere della Sera», 30 luglio 1908
Acquista ‘Il Sogno del Maratoneta’

Descrizione:
Un’immagine che conosciamo tutti: un uomo barcolla faticosamente verso il traguardo della maratona all’Olimpiade di Londra, il 28 luglio 1908. Quell’uomo è Dorando Pietri, un’icona dello sport mondiale: tutti sanno che venne squalificato da quella gara perché un giudice di gara lo sorresse negli ultimi passi e che poi Alessandra, la regina d’Inghilterra, lo volle premiare ugualmente il giorno dopo con una coppa speciale. la storia del ragazzo che divenne l’atleta più famoso (e probabilmente più ricco) del suo tempo. Perché attraverso la vicenda di Pietri scopriamo che lo sport all’inizio del secolo era già un business, e che qualcuno ricorreva al doping (anche se era un doping meno sofisticato dell’attuale). La vita romanzesca e avventurosa di un «italiano vero», e uno spicchio appassionante della nostra storia e della storia dello sport.

Dorando_Pietri

DORANDO PIETRI. LA CORSA DEL SECOLO

FRASCA AUGUSTO
LA CORSA DEL SECOLO
Genere: Libro
Editore: ALIBERTI
Pubblicazione: 10/2007
Acquista ‘La Corsa del Secolo’

Descrizione:
Le pagine nascono alla vigilia della ricorrenza dell’episodio di un pomeriggio di luglio del 1908 ai giochi olimpici di Londra, di cui fu protagonista il maratoneta Dorando Pietri. Con un diffuso repertorio iconografico e con una generosa selezione delle testimonianze dell’epoca, italiane ed estere. L’intera parabola umana e agonistica di un uomo che i tempi e le stagioni hanno reso immortale.

DORANDO PIETRI E GLI ALTRI. Storie di sport e di Olimpiadi di Vinicio Ongini-Sinnos Editrice Copertina

DORANDO PIETRI E GLI ALTRI. STORIE DI SPORT E DI OLIMPIADI

ONGINI VINICIO
illustrazioni di Luca Carnevali
Genere: Libro
Editore: SINNOS EDITRICE
Pubblicazione: 04/2008
Acquista ‘Dorando Pietri e gli altri, Storie di Sport e Olimpiadi’

Descrizione
Un bambino, di nome Dieguito, che sembra avere il potere di stregare il pallone. Una bicicletta famosa che ha visto amori e vittorie prodigiose assieme al suo amico Fausto… Ma soprattutto la storia di Dorando Petri che 100 anni fa perse le Olimpiadi, ma vinse il premio più bello: la memoria e l’onore degli sportivi!


Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>